Accademia Chitarristica "Emilio Pujol"

in collaborazione con il Conservatorio Statale di Musica "Bruno Maderna" di Cesena

La storia

LE ORIGINI

L’Accademia Chitarristica “Emilio Pujol” porta il nome di uno dei più grandi didatti del panorama mondiale: Emilio Villarubi Pujol (La Granadella, 7 aprile 1886 – Barcellona, 15 novembre 1980).

Allievo di Francisco Tarrega, considerato il creatore dei fondamenti tecnici della chitarra classica del XX secolo, Pujol ha sviluppato e scritto i quattro volumi che costituiscono l’”Escuela Razonada de la Guitarra”, ad oggi riconosciuta come una delle opere più significative per lo strumento e sintesi del suo pensiero di uomo, chitarrista e compositore.

Invitato a Siena da Andres Segovia, i due grandi maestri lavorarono fianco a fianco all’Accademia Chigiana di Siena.

 

IERI

Grande concertista e didatta, allievo di Pujol, è il M° Alberto Ponce.

E' stato docente al Conservatoire Superieure de Paris e alla prestigiosa Ecole Normale de Musique “Alfred Cortot” de Paris. Un artista e un didatta la cui capacità di guardare dentro l'anima attraverso la musica è strumento didattico e comunicativo di grande potenza.

Musicisti di tutto il mondo, per più di mezzo secolo, hanno frequentato le sue lezioni.

 

OGGI

Da questa storia di uomini, artisti e Istituzioni, l'Accademia Pujol trae la maggiore ispirazione. 


I docenti del Corso Superiore: Omar Cyrulnik e Giorgio Albiani

La collaborazione tra Giorgio Albiani e Omar Cyrulnik nasce da un incontro del tutto casuale.

Cominciò una sera in Francia: un argentino e un italiano, entrambi con il bagaglio della propria storia artistica e professionale, insieme per condividere il palco di un festival.

Poi la scoperta della bellezza di suonare insieme e la prima apparizione su un palco per raccontare in musica questo incontro.

Dopo lʼindimenticabile concerto di Roma nella Sala dell'Oratorio del Gonfalone  nel marzo del 2013, la musica si plasma nel DUOTANGO e in un progetto discografico dal nome "VERDEMAR" dedicato al tango e ai compositori italiani che, dopo la migrazione in Sud America, dettero origine a questo genere.

Da quel momento DUOTANGO sta tenendo concerti in tutta Europa e in Sud America, trovando nella realtà dell'Accademia D.I.M.A. il punto di incontro non solo per il loro progetto artistico ma anche per un'esperienza didattica e passaggio di sapere.

Clicca per leggere i cv dei docenti: DOCENTI


I docenti dei Corsi di Base, Metodo Suzuki e Propedeutica Chitarristica

Giordano Brandini

Antonino Ielo

Serena Meloni

Roberto Rossi

Gilberto Russo

I giovani docenti sono tutti laureati al Biennio di Specializzazione del Conservatorio "B: Maderna" di Cesena sotto la guida di Giorgio Albiani.

Rappresentano la continuità e il futuro di questa scuola chitarristica e sono protagonisti di un'esperienza artistica e professionale che li vede concertisti affermati e vincitori di concorsi nazionali e internazionali.

Clicca per leggere i cv dei docenti: DOCENTI


Le chitarre di CesAre

in collaborazione con il Conservatorio "Bruno Maderna" di Cesena

 L’idea

del progetto artistico-culturale “Le Chitarre di CesAre” nasce nel 2010 dal maestro Giorgio Albiani, docente di chitarra al Conservatorio “B. Maderna” di Cesena che insieme ai suoi allievi, i maestri Roberto Rossi e Alessandro Bertolino, iniziano l’aggregazione e le prime prove in ensemble con i loro allievi.

 

Il nome del gruppo

è l’acronimo delle  città Cesena-Arezzo, luoghi di origine dei giovani musicisti. Partecipano al progetto altri allievi di Albiani, già musicisti professionisti, tra i quali i maestri Giordano Brandini, Antonino Ielo, Serena Meloni e Gilberto Russo. Si crea dunque un particolare mix di allievi e professionisti, che permette robustezza esecutiva ed offre la possibilità ai più piccoli di poter suonare e quindi crescere al fianco di musicisti già formati. Al fianco dell’entusiasmo delle chitarre si sono unite la giovane violinista Valentina Albiani e il Dott. Giovanni Porciello al clarinetto andando così ad arricchire l’organico. 

 

Da lì a poco iniziano le performances

pubbliche e il gruppo debutta ufficialmente ad Arezzo durante la Rassegna e Concorso Musicale “Calcit 2011”, vincendo il Premio del Pubblico per la migliore Esecuzione Musicale

L’Orchestra ha partecipato a registrazioni televisive ed eventi: Festival Internazionale di Monterchi (AR) 2011, XXVI ed. Ottobre Musicale Festival di Civitella in Valdichiana (AR), stagione concertistica “Musica tra le Antiche Mura” nella prestigiosa cornice della Biblioteca Malatestiana di Cesena, Concerto d’Apertura del convegno “I Cento anni della linea ferroviaria Volterra-Cecina” a Volterra, Concerto Telethon 2012 nella Basilica di San Domenico ad Arezzo, oltre ad essere stata invitata ad esibirsi in contesti internazionali come “Les Journèes de la Guitare 2013” al Theatre de la Licorne di Cannes, al Theatre de l’Académie de Musique “Fondation Prince Ranier III” di Monaco e il Conservatoire Municipale de Musique et Danse de Melun-Parigi. Tra novembre 2013 e luglio 2014 l’orchestra è stata impegnata nella serie di concerti “TARABARALLA: Le Mille Voci della Chitarra”, realizzato in occasione della Festa della Toscana 2013 in collaborazione con Regione Toscana, Associazione Culturale IUBAL in sinergia con il Conservatorio “B. Maderna” di Cesena. L’evento ha visto il gruppo esibirsi nella Provincia di Arezzo (Teatro di Bucine, Chiesa di Santa Maria delle Grazie di Arezzo per TELETHON 2013, Teatro di Castiglion Fiorentino, Teatro dei Ricomposti di Anghiari, Castello dei Conti Ubertini di Chitignano) al fianco di artisti del calibro di Marna Fumarola (Quartetto Euphoria), Francesco Santucci (Primo Sax dell’orchestra RAI di Roma) e Giulio Cuseri (Primo Clarinetto della Banda della Guardia di Finanza dello Stato). Nel settembre 2014 è stata invitata alla serata conclusiva della rassegna “Mercati in Musica 2014” per un concerto omaggio al maestro Franco Mealli al mercato storico della Loggia del Porcellino di Firenze.

 

Importanti anche le collaborazioni con compositori italiani e stranieri

Roberto Rossi, Laurent Boutros (concertista internazionale, compositore e direttore del Conservatorio Maison-Alfort, Parigi), Francesco Santucci (uno dei più apprezzati compositori italiani, 1° sax dell’Orchestra della Rai di Roma), i Viulan (storico gruppo di ricerca etno-musicale dell'Appennino tosco-emiliano), Valerie Duchateau (concertista e direttrice della rivista specializzata francese “Guitar Classique” in cui ha dedicato articoli all’esperienza delle Chitarre di CesAre), Antonio Fruscella (concertista e docente al Conservatoire Municipal de Melun), Luc Vander Borght (concertista e docente dell’Accademia “Ranieri III” del Principato di Monaco), Omar Cyrulnik (Assessore alla Cultura del governo Argentino e docente dell’Università UNA di Buenos Aires), Giulio Cuseri, Marna Fumarola (Quartetto Euphoria).

Dopo essere stata ospite del Conservatorio di Cesena dove ha tenuto una masterclass ed un concerto insieme all’orchestra, Valerie Duchateau, nota chitarrista francese e direttrice di “Guitare Classique” la più importante rivista francese specializzata del settore, ha dedicato alle Chitarre di CesAre un articolo sul numero di gennaio e uno speciale sul numero di febbraio con un’intervista al maestro Albiani e ad alcuni suoi allievi, i quali hanno effettuato delle registrazioni inserite nel cd allegato alla rivista.

 

 

L'esprienza e il valore educativo

La realtà delle Chitarre di CesAre è prima di tutto un luogo dove si ha l’opportunità di vivere con profondità l’esperienza di creare qualcosa insieme e condividerlo con altre persone.

A prescindere dall’età, chi ne fa parte sente di possedere un ruolo e di essere importante per chi gli sta accanto. E’ un gioco di squadra dove ricerca di perfezione ed equilibrio sono passione, cultura ed educazione.

 

Oggi le Chitarre di CesAre sono: 

Direzione Artistica: Giorgio Albiani

Direttore Orchestra: Serena Meloni

Composizione e arrangiamenti: Roberto Rossi

Organizzazione: Gilberto Russo

Sito web, audio e video: Antonino Ielo

Collaborazione: Giordano Brandini, Dott. Giovanni Porciello, Ing. Roberto Lucani